IN EUROPA

Al fine di difendere nelle sedi istituzionali i diritti economici e morali degli autori dell’audiovisivo e assicurare loro un equo compenso per lo sfruttamento delle opere, è stata costituita a Bruxelles la SAA (Society of Audiovisual Authors).

Hanno aderito alla neonata associazione la SIAE insieme con le società di gestione collettiva francesi SACD e SCAM, le tedesche Bild-Kunst e VG Wort, le spagnole SGAE e DAMA, la portoghese SPA, la Ceca DILIA, l’estone EAAL, l’olandese VEVAM, la romena DACIN-SARA, le svizzere SSA e Suisseimage e le inglesi ALCS e Directors UK. Con un documento inviato alla neonata associazione e alla SIAE, i dialoghisti dell’AIDAC hanno invitato la SAA a inserire tra le sue priorità lo sviluppo di politiche di incentivazione del doppiaggio delle opere audiovisive italiane ed europee per garantire la loro migliore distribuzione, sollecitandolo inoltre a sviluppare un sistema di controllo della qualità delle versioni in altre lingue, finalizzato alla salvaguardia delle opere originarie, dei loro autori e degli spettatori.

maggio 2010